Sponsor per Restauro Beni Culturali

by Avv. Nicola Ferrante
in Blog
Visite: 2545

Il ministero dei Beni e delle Attività Culturali ha emanato il decreto contente le norme tecniche e le linee guida per dare applicazione ai contratti di sponsorizzazione. Si tratta di contratti per la ricerca di sponsor, volti ad attivare una sorta di partenariato pubblico-privato per reperire risorse da destinare alla tutela ed alla valorizzazione dei beni culturali.

Pubblicate in Gazzetta Ufficiale, le linee guida erano state previsto dal decreto Semplificazioni (Dl 5/2012). Il decreto attribuiva al Ministero il compito di dare attuazione in particolare al nuovo articolo 199 bis del Codice dei contratti pubblici, da esso introdotto per regolamentare i contratti di sponsorizzazione nel campo della conservazione e valorizzazione del nostro patrimonio culturale. Un articolo, il 199 bis, che ha stabilito qual è l'iter per la scelta di uno sponsor, che si impegni solo a finanziare (sponsorizzazione pura) oppure a curare e sovvenzionare la progettazione e la realizzazione di un intervento (sponsorizzazione tecnica), in cambio di una promozione della propria immagine, marchio o attività.

Con la sponsorizzazione infatti, che sia tecnica o pura, o anche mista, lo sponsor associa il nome, il marchio, l'immagine, o un proprio prodotto ad un bene o ad un'iniziativa culturale, ricevendo in cambio dunque una sorta di speciale pubblicità. 

Il decreto è composto da disposizioni di diverso carattere: norme tecniche di natura precettiva e  linee guida che invece costituiscono indicazioni aventi ad oggetto l'interpretazione del quadro normativo di riferimento.

Il decreto provvede innanzitutto a definire il contratto di sponsorizzazione, distinguendolo da tipologie contrattuali simili e dagli accordi di varia natura volti a stabilire rapporti di partnership pubblico-privato. Inoltre vengono esaminate nel dettaglio le modalità procedimentali per la scelta dello sponsor per tutte le tipologie di sponsorizzazione: pura, tecnica o mista. Quest'ultima nasce dalla combinazione delle prime due, è il caso, ad esempio, di uno sponsor che cura la progettazione e finanzia l'esecuzione di un intervento.

Infine vengono presi in considerazione alcuni aspetti problematici riscontrati nella prassi applicativa dei contratti di sponsorizzazione, quali: gli aspetti contabili inerenti alla gestione degli introiti delle sponsorizzazioni; la possibilità di stabilire rapporti di partnership rispetto a soggetti del terzo settore; la ricognizione della vigente disciplina fiscale.

Fonte: professionearchitetto.it

Contatta l'esperto